News

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE 2019- INFORMAZIONI UTILI

scu
Written by Operatore

SERVIZIO CIVILE UNIVERSALE  2019

La prima cosa da fare per partecipare al Servizio Civile Universale 2019 è scegliere un progetto, verificando attentamente di essere in possesso di:

  • requisiti di ammissione, 
  • requisiti obbligatori di progetto descritti nei progetti stessi.

L’avvio del servizio è previsto entro il 30 aprile 2020.

Requisiti per partecipare

Possono svolgere il Servizio Civile Universale giovani, senza distinzione di sesso, che al momento di presentare la domanda abbiano compiuto 18 anni e non superato i 28 anni (28 anni e 364 giorni) in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere cittadine e cittadini italiani
  • essere cittadine e  cittadini degli altri Paesi dell’Unione Europea
  • essere cittadine e cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti in Italia
  • non aver riportato condanna, anche non definitiva, alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo, oppure anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, oppure per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata
  • per quanto riguarda altri requisiti obbligatori (come il titolo di studio), occorre verificarli all’interno di ogni singolo progetto

I requisiti di partecipazione devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda e, ad eccezione del limite di età, mantenuti sino al termine del servizio.

Non possono presentare domanda di Servizio Civile giovani che, alla data di pubblicazione del bando:

  • stiano prestando o abbiano già prestato oppure abbiano interrotto il Servizio Civile
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, o che abbiano avuto tali rapporti  di durata superiore a tre mesi nei dodici mesi precedenti alla data di pubblicazione del bando.
  • appartengano ai corpi militari o alle forze di polizia

Possono invece presentare domanda volontari che abbiano già svolto il Servizio Civile nell’ambito del Programma Europeo Garanzia Giovani, nell’ambito del progetto sperimentale IVO4ALL e nei Corpi Civili di Pace o abbiano interrotto il servizio per motivi non imputabili al volontario.

Caratteristiche del servizio

Il Bando 2019 recepisce alcune novità introdotte dalla riforma del Servizio Civile. I progetti di Servizio Civile Universale che verranno avviati a partire dalla primavera 2020, avranno le seguenti caratteristiche:

  • La durata dei progetti può essere variabile da 8 a 12 mesi. I progetti della Città di Torino e degli enti partner hanno tutti una durata di 12 mesi.
  • Il Servizio Civile può essere svolto in Italia oppure all’estero, presso le sedi accreditate degli enti e delle associazioni.
  • L’orario di servizio è pari a 25 ore settimanali oppure può essere articolato con un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1145 ore di un progetto di 12 mesi e le 775 di un progetto di 8 mesi. I progetti della Città di Torino e degli enti partner hanno tutti il monte ore pari a 1145 ore.
  • Permessi di assenza variabili proporzionalmente al periodo di servizio (20 giorni per 12 mesi).
  • Altri permessi straordinari per circostanze specifiche come la partecipazione ad esami universitari, la donazione del sangue, ecc
  • Ai volontari in servizio civile spetta un assegno mensile di 439,50 euro equiparato a redditi esenti.
  • L’esperienza determina dei crediti formativi spendibili in ambito scolastico o professionale, anche all’interno del percorso universitario se compatibili con il proprio percorso di studi.
  • Ai volontari viene offerto un percorso di formazione generale, basato sulla conoscenza dei principi che sono alla base del servizio civile universale, e da una formazione specifica inerente alla peculiarità del progetto.
  • Possibilità per alcuni progetti tra quelli che prevedono “misure aggiuntive” con sede in Italia o all’estero di un periodo di tutoraggio (di 1, 2 o 3 mesi) per facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro.
  • Possibilità per alcuni progetti tra quelli che prevedono “misure aggiuntive” con sede in Italia, di un periodo di servizio in un Paese dell’Unione Europea, pari a 1, 2 o 3 mesi.

 

Come candidarsi

Cosa fare per partecipare ai progetti di Servizio Civile – Bando 2019

A partire dal Bando 2019 viene introdotta la novità della candidatura online tramite l’utilizzo dell’identità digitale SPID ( SPID come si richiede? ) per accedere alla piattaforma Domanda Online (DOL).

E’ aperto il Bando 2019 per la selezione di volontari e volontarie di Servizio Civile con scadenza alle ore 14 di giovedì 10 ottobre 2019 

I giovani potranno presentare domanda esclusivamente tramite la piattaforma Domanda Online, raggiungibile da PC fisso, tablet o smartphone, alla quale potranno accedere dopo essersi registrati tramite SPID, il Sistema Pubblico d’Identità Digitale.

Grazie allo SPID, molti dati inseriti in fase di registrazione saranno già disponibili al momento della candidatura; sarà inoltre possibile caricare documenti allegati direttamente sulla piattaforma in formato PDF

Candidarsi per i progetti della Città di Torino ed enti partner

Per partecipare ai progetti promossi dalla Città di Torino ed enti partner, occorre

  • consultare i diversi progetti disponibili di Servizio Civile
  • eventualmente contattare gli enti titolari dei progetti per richiedere chiarimenti o ulteriori informazioni
  • scegliere un unico progetto per il quale presentare la propria candidatura
  • seguire le istruzioni per la candidatura

​Dopo la scadenza del bando, i candidati e le candidate partecipano a una selezione, presso l’ente che propone il progetto, finalizzata alla definizione di una graduatoria dei giovani giudicati idonei.

La selezione avverrà secondo il Sistema di reclutamento e selezione della Città di Torino accreditato dall’Ufficio Regionale per il Servizio Civile, che prevede:

  • una valutazione curriculare dei candidati;
  • un primo colloquio di gruppo volto a verificare il possesso delle informazioni di base relative al Servizio Civile e alle peculiarità del progetto;
  • un test scritto di preselezione costituito da domande a risposta multipla focalizzate sulla conoscenza del Servizio Civile Universale e delle specificità del progetto. Il test verrà somministrato solo nel caso in cui il numero di candidature ammissibili ricevute per il progetto ecceda le trenta unità e risulti contemporaneamente superiore a 10 volte il numero dei posti disponibili. I candidati che avranno risposto correttamente ad almeno il 60% delle domande avranno diritto a proseguire la selezione;
  • un secondo colloquio individuale per comprendere le motivazioni e la corrispondenza tra il candidato e il profilo del volontario richiesto dal progetto.

Il calendario dei colloqui viene pubblicato alla pagina sul sito Torino Giovani al seguente: link  almeno 10 giorni prima; la pubblicazione del calendario dei colloqui ha valore di notifica della convocazione; l’assenza anche a uno solo dei colloqui sarà considerata rinuncia e si procederà all’esclusione dalla selezione per non aver completato la relativa procedura.

Al termine della procedura di selezione, gli enti consegnano all’Ufficio Nazionale Servizio Civile tutta la documentazione raccolta. Una volta verificata la correttezza del materiale ricevuto, l’Ufficio Nazionale Servizio Civile comunica ai giovani selezionati l’avvio al Servizio.

 

About the author

Operatore

Leave a Comment

*